Quale antifurto è meglio. Guida alla scelta di un antifurto per la propria casa.

tecnologia-2

Spesso mi capita che mi venga chiesto: ” Federico, quale antifurto è il migliore?”

Allora apro gli occhi e la prima cosa che faccio è rispondere alla domanda con un altra domanda.

Lo so che non si fa, che non si risponde ad una domanda con un’altra domanda…ma come si fa? qui è di dovere!

La mia risposta è sempre la stessa:” E’ il migliore rispetto a cosa, rispetto a quale caratteristica?”

Mettiamo subito in chiaro le cose: non c’è un antifurto migliore!

Certo, non sto dicendo che sono tutti uguali, ci mancherebbe!

Anzi certi sistemi sono proprio antiquati e vecchi e certi che non valgono una cicca….quindi occhio!

No non sto dicendo questo!

Sto solo dicendo che se non prendiamo un termine di paragone è difficile determinare cosa sia meglio di cosa.

Mi spiego meglio.

Posso consigliarti un sistema piuttosto che un altro in relazione alla destinazione d’uso, cioè se occorre proteggere un’abitazione oppure un’azienda.

Possiamo poi determinare all’interno del sistema quale protezione adottare in base alle abitudini familiari ed in base al rischio che presenta ciascuna situazione.

Ma stabilire a priori quale antifurto sia meglio di un altro è puramente follia.

 

Ti faccio un esempio per farti capire meglio. Quale auto è la migliore?

Sai rispondermi? direi di no! troppo vago, giusto?

Ancora: è meglio un SUV oppure una berlina? anche qui cosa mi rispondi?

Mi dirai che dipende da cosa ci devo fare con l’auto. Se ti serve solo per la città nessuna delle due, forse sarebbe meglio una citycar.

Se invece l’auto ti serve per fare tanti kilometri sarebbe meglio una berlina perchè probabilmente starai più attento ai consumi e così via….giusto?

Non sto entrando ancora nel merito di marche o prestigio ecc….sto solo dicendo che per l’uso che ne devi fare forse una è più adeguata dell’altra.

Ora nel mondo sicurezza, il cerchio si restringe un pochino, nel senso che non c’è nè la berlina nè un SUV.

L’antifurto è composto più o meno dai soliti componenti, centrale, sirene, tastiere e sensori.

In questo mondo cambia tanto la tecnologia, il produttore, l’assistenza post vendita.

Ora premesso che di assistenza ne abbiamo già parlato in precedenza ( clicca qui per leggerlo ), la prima cosa da stabilire per un sistema antifurto, o almeno quello che mi chiede sempre la gente quando vado da loro è se prendere in considerazione un antifurto con i fili oppure senza fili.

Le domande sono spesso molto confuse, perchè la gente si informa qua e la trovando magari informazioni non vere, o mezze verità oppure ancora informazioni che non stanno nè in cielo nè in terra.

Partiamo dal presupposto che i sistemi antifurto sia con i fili sia senza fili sono sistemi di sicurezza e in quanto tali offrono delle caratteristiche di sicurezza basilari , altrimenti non potrebbero neanche essere messi in commercio!

Detto ciò, la distinzione fra antifurto con i fili e senza fili dipende esclusivamente da un fattore chiave: la possibilità di poter passare un cavo dalla centrale ad ogni finestra oppure  no!

Voglio dire: nessuno si fa spaccare casa per passare tutti i fili per ogni finestra! a meno che non ci sia una ristrutturazione da fare.

Quindi per farla breve diciamo che nel caso in cui ci siano da fare dei lavori di ristrutturazione, possiamo prendere in considerazione un sistema filare….il discorso cambia se la predisposizione non c’è!

 

Nessuno mai si metterà a spaccare i muri di una casa appena finita!

Mi moglie mi ucciderebbe!

Quindi questa è la prima richiesta che di solito bisogna soddisfare.

Qui entra in campo poi la qualità del prodotto, perchè se nel caso di un semplice antifurto filare diciamo che tanti prodotti si assomigliano, anche se c’è sempre un prodotto che non ha eguali ( poi vi spiegherò meglio il perchè ), nel caso di un sistema senza fili, invece il prodotto fa la differenza.

Si perchè i sensori e tutti i componenti senza filo comunicano con la centrale attraverso onde radio.

E’ come se fossero dei fili immaginari che collegano i sensori con la centrale. Quindi diciamo che è un aspetto fondamentale….perchè se le onde radio hanno dei disturbi il sistema non funziona!

Ecco perchè qualcuno dice che i sistemi filari sono più sicuri di quelli senza filo.

Anche queste affermazioni però non sono vere! Almeno in parte!

Sono vere per alcuni sistemi che hanno una progettazione di qualche anno fa e quindi sono vecchi! Sono obsoleti!

Ma ci sono dei sistemi all’avanguardia che hanno certificazioni elevate di sicurezza e che sono in grado di cambiare canali e frequenze in base ai vari disturbi!

Ecco perchè se devo scegliere è bene optare per un sistema di ultima generazione: in questo caso non avrò mai problemi!

Un altra cosa dalla quale devo metterti in guardia sono le raccomandazioni da parte di installatori generici.

Magari disprezzano un sistema piuttosto che l’altro solo perchè non hanno a disposizione il giusto prodotto che fa per te.

Quindi non credere mai che una cosa non funziona solo perchè qualcuno ti ha dato un’informazione errata.

In realtà oggi i sistemi di verifica, protezione e supervisione ci sono, esistono e funzionano molto bene! Basta avere a disposizione un prodotto innovativo, all’avanguardia ed aggiornabile.

 

Questi sono i punti fondamentali di un antifurto senza filo.

Detto quindi che la tecnologia è fondamentale per i sistemi senza filo, ecco che ti svelo l’altra verità…..la tecnologia è fondamentale anche per i sistemi con i fili.

Se tutti o quasi tutti i sistemi filari non riescono ad accorgersi di qualche difetto o malfunzionamento ( cosa che invece quelli senza filo riescono a fare!), esistono sistemi che integrano sistemi di controllo anche per i sensori filari.

 

Quindi la raccomandazione è: non esiste un sistema meglio di un altro a pari livello tecnologico.

Dipende molto dalle esigenze e dal tipo di sicurezza che volgiamo avere.

Proprio parlando del livello di sicurezza, ti accenno che ci sono tantissimi tipi di sensori, per la rilevazione di intrusione.

Ricorda però che i classici sensori apri e chiudi, hanno più di un secolo di vita e possono essere aggirati facilmente.

Rivolgersi ad un professionista, ad uno specialista del settore è fondamentale per spendere bene i propri soldi.

Se poi vuoi sapere come ci si può davvero proteggere in casa  ti invito a registrarti a questo link per ricevere altre informazioni:

Risorse Gratuite

Non perdere tempo, magari fuori da casa tua c’è già qualcuno che ti sta tenendo d’occhio!

Ti ricapitolo velocemente i passi che dovresti fare prima di acquistare un antifurto qualsiasi:

  • chiama uno specialista
  • fatti fare un analisi di rischio
  • fatti progettare una soluzione ottimale
  • richiedi solo prodotti certificati e magari con livelli di sicurezza alti
  • se chiami noi oppure una delle nostre filiali chiedi dei sensori Antieffrazione ( li abbiamo solo noi in esclusiva nazionale!)
  • dopo l’installazione metti l’allarme anche alle tre del pomeriggio

Altro consiglio? Occhi aperti, chiudi bene e inserisci l’allarme!MADEINITALY

 

Lo specialista dell’antifurto.

Capobianco Federico

Pubblicato in Antifurto Taggato con: , , , , , ,

I 3 requisiti basilari di un antifurto moderno.

impianti-casa-sicura

Quando cerchi un antifurto....quando stai cercando qualche informazione sul sistema antifurto che proteggerà la tua casa.....quali sono i requisiti che deve assolutamente avere?

Lascia che ti dica una cosa.

Quando cerchi un sistema per proteggere la tua famiglia sicuramente stai pensando che
Allarme = protezione di quanto esiste di più caro, ossia le persone della tua famiglia e anche i beni materiali.

Lo so, ne vedo tutti i giorni di tutti i colori. A volte quello che ferisce di più di una visita spiacevole da parte dei ladri, è proprio l'invasione di una sfera intima e personale da parte di persone non gradite.

Per questo la priorità di tutti oggi è quella di proteggersi non solo dal furto di beni materiali come oro, soldi, gioielli....ma soprattutto quella di salvaguardare l'incolumità delle persone che sono dentro casa, quella dei tuoi più cari affetti!

Adesso mi chiederai: "Si è vero, ma come posso proteggermi?"

Con un cartello con scritto "attenti al cane" e magari con un cane vero, bello grosso, nero che mette paura solo a vederlo? Oppure con delle belle grate massicce di ferro a tutte le finestre, che trasformano la tua casa in un carcere? Oppure ancora con delle porte blindate belle robuste?

Lascia che ti dica la verità! Lo so, alle volte fa male....ma mai come in questo caso devi prenderne coscienza e capire perché queste sono solo pagliativi che non possono fermare certo un ladro!

Pensa che i furti in casa sono aumentati del +127% ( fonte Censis ) negli ultimi 10 anni...e permettimi di aggiungere che proprio negli ultimi anni, i ladri sono diventati cattivi!

Se prima i ladri entravano in casa solo quando non c'era nessuno, facendo attenzione a non farsi scoprire, oggi la tendenza è totalmente cambiata.

Oggi entrano nelle case soprattutto quando ci sono persone all'interno e non gli importa di essere scoperti, anzi!!

Se ci pensi bene in casa tua quando non c'è nessuno cosa potrebbero portarti via di valore?
Posso rispondere io per te? Se dico poco o niente penso di aver centrato in pieno la tua realtà.

In casa tua come nella mia infatti, quando non c'è nessuno NON c'è niente da portar via. Al massimo possono fare dei danni materiali, possono romperti tutti i mobili, ma niente di più!

Se invece siamo in casa, a parte noi, a parte le persone che ritengo essere il bene più prezioso, possono trovare qualcosa da portar via....

Bastano i cellulari, portafogli, borse, chiavi della macchina......che di solito ci portiamo dietro quando usciamo.

Ho visto mani spezzate per portar via delle fedi nuziali dalle dita di povere persone.

Sai perché le case sono state prese di mira sempre di più negli ultimi anni?

Perché è più facile fare un furto che in negozi e attività commerciali.
Prima cosa ci sono molte più aperture ( porte e finestre ); seconda cosa i negozi e le attività si sono dotate nel tempo di sistemi antifurto e di telecamere che invece non ci sono nelle abitazioni.

Ecco perché i ladri vengono sempre più nelle nostre case....è semplicemente più facile!!

Quindi anche tu, se stai leggendo questo articolo, starai cercando un sistema di sicurezza che ti protegga, che protegga te e la tua famiglia.

Ma se la richiesta di sicurezza sta diventando un fattore molto forte in questi anni, quali sono le caratteristiche che deve avere un buon sistema antifurto?

Diciamo che riassumendo brevemente, senza andare nel dettaglio, 3 sono le cose che le persone vogliono oggi da un sistema antifurto:

  1. Innovazione tecnologica
  2. Personalizzazione della soluzione di protezione
  3. Semplicità d'uso

 

Se dico che le nuove tecnologie sono l'unica arma che abbiamo a disposizione contro i ladri, penso che tu sia d'accordo con me!

Ma cosa rende davvero sicuro un sistema di allarme?

Sfatiamo il mito del sistema filare che secondo alcuni è molto più sicuro di un sistema senza fili. Oggi con le nuove tecnologie possiamo affermare con certezza che un sistema senza fili è sicuro almeno quanto un sistema con i fili.

Certo, occorre un sistema attuale tecnologicamente nuovo: se prendiamo un sistema di allarme senza fili di 15 anni fa le carte in gioco cambiano notevolmente!

Un sistema innovativo oggi dovrebbe poter :

  •  consentire un controllo a distanza del sistema di allarme: accenderlo, spegnerlo, verificare il sistema ecc..
  • avvertire su modulo gsm le persone interessate qualunque cosa accada anche quando si è lontani da casa
  • tenere distanti da casa i malintenzionati partendo dalla parte esterna della casa  e man mano sempre più vicino alla casa dando l'allarme quando ancora i ladri sono fuori , sapendo anche quale sensore ha dato l'allarme
  • trasmettere i dati fra sensori e centrale in modo bidirezionale e su più frequenze e su più canali in modo da eludere qualsiasi tentativo di manomissione dell'impianto di allarme
  • dovrebbe poter sfruttare il collegamento internet per avere a disposizione un controllo tramite app del proprio impianto di allarme.

Le soluzioni standard non vanno più bene per proteggersi oggi. Infatti ogni famiglia è diversa dall'altra e un buon sistema di allarme dovrebbe potersi adattare alle esigenze di tutti, dovrebbe dare una protezione completa a fronte di esigenze completamente diverse.

 

Ecco perché è sempre bene affidarsi ad uno specialista che saprà valutare la migliore soluzione in base alla sicurezza ed alla personalizzazione della soluzione.

In particolare occorre progettare un sistema di allarme in modo che dia protezione sia di giorno che di notte, sia con persone all'interno della casa sia quando non c'è nessuno, sia d'estate che di inverno!

Il sistema dovrà poi garantire una certa espandibilità nel tempo, qualora dovessero cambiare le esigenze e dovrà essere coperto da una forte garanzia qualora si necessiti di pezzi di ricambio anche a distanza di anni.

Non voglio addentrarmi in questo argomento, vi rimando per questo ad un articolo che puoi leggere qui.

Quindi per finire oltre alla semplicità vorrei menzionare l'assistenza e la garanzia. Meglio scegliere un sistema garantito nel tempo e con un comparto tecnico di assistenza valido, meglio se reperibile 24h su 24h.

Ti ricordo che un sistema non efficiente non è sicuro!

In un contesto di evoluzione come quello di oggi, la scelta di un sistema che dovrebbe durare anni è molto importante e non semplice: meglio affidarsi ad un esperto del settore!

Il fai date in questo caso lasciatelo fare agli altri...un errore potrebbe costarvi davvero caro!

Se non lo hai già fatto, registrati  qui al blog per ricevere gratuitamente la prima guida ai sistemi di allarme!

 

 

Pubblicato in Antifurto, Assistenza Taggato con: , , , , , ,

Come collegare l’ impianto di allarme con le forze dell’ordine.

6825

Forse non lo sai….
Forse non ti e’ mai passato per la testa….
Forse non ne hai mai avuto la necessita’……o semplicemente pensavi che esistessero solo i servizi delle guardie giurate.

Adesso lo sai! E’ possibile collegare il proprio impianto di allarme con le forze dell’ordine in modo semplice e gratuito.

Prima di spiegarti pero’ la procedura esatta da seguire voglio chiederti una cosa davvero importante.

Chi ti ha installato il sistema di allarme? lo hai fatto installare da un professionista abilitato regolarmente iscritto all’albo oppure da tuo cugino che si intende di elettronica?
Perche’ nel secondo caso togliti dalla esta di andare dai carabinieri…..riceverai solo una porta sbattuta in faccia.

Eh si hai sentito benissimo.

Il primo requisito per poter collegare le forze dell’ordine al tuo impianto di allarme, in modo che quando scatta l’allarme siano avvertiti anche loro, e’ proprio la certificazione dell’impianto che solo un professionista potra’ rilasciarti dopo averlo installato, provato e collaudato.

Non solo quindi per motivi di sicurezza e di affidabilita’, ma il professionista fa il proprio lavoro anche sotto il profilo documentale, rilasciandoti anche tutti i documenti che accertano la corretta installazione secondo la normativa vigentein materia.

Lo sapevi che se l’impianto da falsi allarmi potremmo essere denunciati per allarme procurato ed essere citati per aver distolto le pattuglie disponibili per motivi futili.

La famosa certificazione quindi e’ la condizione indispensabile affinche’ tu ti possa recare al comando dei carabinieri per poter registrare il tuo impianto di allarme con il comando.

In questo modo quando l’allarme suonera’, avvertira’ anche i carabinieri che in pochi minuti saranno a casa tua per verificare il tentativo di furto segnalato.

Per tutta sincerita’ il tempismo dell’intervento puo’ variare in base a molti fattori, primo fra i quali la tua posizione geografica.

Premesso il fatto che le pattuglie, specialmente di notte, sono sempre poche e non sempre sono disponibili su tutto il territorio, se tu abiti in centro avrai maggiori possibilit’ di essere copert un servizio tempestivo piuttosto che tu abiti in aperta campagna.

Per essere onesti lo stesso discorso vale anche nel caso tu stia pensando di affidarti ad un servizio a pagamento con le guardie giurate. Nessuno infatti puo’ garantirti un intervento in pochi minuti a casa tua.

Detto ciò ecco come fare per attivare il collegamento con le forze dell’ordine.

Per prima cosa, come ti ho già detto, occorre la certificazione dell’impianto.

Dopo che il professionista ti ha rilasciato tutti i fogli e le dichiarazioni dell’impianto, dovrai recarti al comando dei carabinieri più vicino a te e compilare un modulo con il quale dichiari di voler collegare il tuo impianto di allarme con le forze dell’ordine.

Ti saranno chieste alcuni informazioni particolari, come il modello e la marca dell’impianto antifurto, il testo del messaggio che ricevono nonché le tue generalità.

Fatto ciò, previa approvazione ( che può essere immediata, oppure no…dipende dai comandi), possiamo adesso inserire il 112 all’interno del combinatore telefonico del proprio impianto di allarme.

In questo modo quando scatta l’impianto di allarme, oltre ad essere chiamato tu, l’impianto avvertirà anche le forze dell’ordine.

Ricorda però che il nostro miglior medico, siamo noi stessi! quindi occhi ben aperti, serrature chiuse, impianto di allarme attivato e orecchi dritti!

Lo specialista dell’antifurto.

Federico Capobianco

Pubblicato in Antifurto Taggato con: , , , , , ,

Antifurto per la casa: istruzioni per l’uso! Il servizio clienti e la garanzia.

Oggi non voglio parlarti di sensori, centrali o di come fanno i ladri ad entrarti in casa attraverso le porte. Oggi sono qui per parlarti di un aspetto che è forse più importante del fattore estetico di una tastiera.

Lo so che nel salotto di casa tua non ci vuoi una tastiera che fa schifo! E mia moglie la pensa assolutamente come te. Non dico che ci dobbiamo MADEINITALYmettere un cassettone antiestetico e brutto stile anni 50, ma dico soltanto che ci sono delle cose più importanti da considerare, piuttosto che la sola bellezza estetica della tastiera o della sirena esterna.

Mi è capitato di parlare con persone che volevano a tutti i costi la sirena esterna colore rosso  per il solo fatto che avevano il colore esterno della loro casa di colore rosso!

Dico io, ma si può essere così? Le sirene di colore rosso sono quelle dell’anticendio!!!

Comunque a parte questa breve parentesi vorrei prendere in esame due aspetti veramente fondamentali per un sistema antifurto, e cioè il servizio clienti e la garanzia!

Mi sto riferendo a tutte quelle scritte che di solito sono in minuscolo, in caratteri microscopici alla fine del catalogo e che di solito nessuno menziona, perchè di solito da qualche parte  c’è sempre la fregatura!

Sono un pò come le clausole di un contratto con le quali le aziende si salvano il culo per aver inserito quella condizione che nessuno ti aveva nè detto nè fatto leggere.

Oggi vorrei proprio parlare di questo, perchè l’antifurto è un bene durevole. Dura almeno 20\30 anni e lo devi usare tutti i giorni.

E se succede qualcosa mentre lo usi? e se si rompe qualcosa? in che tempi si risolve il guasto e che tipo di garanzia ho sui pezzi di ricambio?

Belle domande vero? Ti rispondo io se permetti.

In generale è prassi garantire in Italia 24 mesi i pezzi dei materiali installati, cioè 2 anni dalla data di acquisto.

E tu pensi per almeno 2 anni di essere a posto! In realtà la garanzia ordinaria, si riferisce ai soli difetti di fabbricazione dovuti ad un erronea produzione o malfunzionamenti dovuti ad un difetto di fabbrica. Ciò vuol dire che se il pezzo malfunzionante viene riconosciuto come difettoso fin dalla uscita di fabbrica, e quindi anche prima di essere stato comprato da te, il pezzo è in garanzia , e ti dirò cosa succede in questi casi, altrimenti la garanzia decade perchè i problemi derivano da cause non imputabili all’azienda produttrice ma da eventi esterni, che non essendo controllabili sono assoggettati a te e quindi la garanzia non c’è!

Per esempio, a me è capitato con la macchinetta del caffè, quella classica a capsule.

Dopo solo 2 settimane il serbatoio inizia a perdere acqua dalla valvola. Riporto la macchinetta al negozio e menomale che il difetto è riconosciuto dalla casa produttrice.  Ho spedito a Milano la macchinetta, hanno sostituito la valvola e mi hanno rispedito il pezzo indietro sempre a mie spese ( come se il difetto della valvola fosse colpa mia!!!).

Comunque dopo 1 mese e mezzo ho ripreso la macchinetta al negozio.

E se lo stesso accade alla tastiera dell’antifurto che ho appena acquistato? Quanto tempo devo aspettare prima di poter riutilizzare l’antifurto e tornare ad essere protetto?

Eh caro mio, la trafila sarà sempre la stessa, e mi spiace dirtelo ma i tempi forse si allungano ulteriormente se il prodotto proviene dall’estero.

Ti spiego una cosa giusto per capirci. Mettiti nei panni del semplice installatore che ti ha installato un antifurto. Ha scelto un modello piuttosto che un altro solo per presentarti un preventivo accettabile…anzi forse è andato proprio al bancone del primo ingrosso e ha chiesto quale era il modello in offerta quel giorno!

Se pensi che possa lui, l’installatore, garantirti qualcosa ti sbagli di grosso! Lui fa semplicemente il lavoro di avvitarti i sensori sulle porte e metterti la sirena fuori di casa…..poi da li in poi meno lo chiami e più contento è!

Se ti si guasta un pezzo tu chiami chi te lo ha montato, lui chiama chi glielo ha venduto ( se non è in ferie come di questi periodi!)….poi l’installatore viene da te, ti smonta il pezzo difettoso ( e lo paghi per l’intervento ) lo porta al rivenditore dove l’ha comprato  che a sua volta lo manda al suo fornitore. Poi dopo 2 o tre altri passaggi arriva alla casa madre che lo ha prodotto.

Sai quali sono le condizioni riportate su alcuni  cataloghi? riporto le testuali frasi :” Il prodotto che risulti essere malfunzionante ancora in garanzia, deve essere spedito in porto franco presso il nostro magazzino previa accettazione del reso da parte dei nostri uffici competenti. Previa verifica dell’effettivo malfunzionamento, esso potrà essere:

  • riparato usando pezzi similari o compatibili nuovi o ricondizionati
  • sostituito con un pezzo uguale usato o ricondizionato
  • sostituito con un pezzo compatibile nuovo o ricondizionato

In ogni caso i tempi di riparazione o sostituzione potranno variare in base all’effettiva disponibilità delle parti necessarie.”

Quindi a parte i pezzi usati o non usati, ma in quanto tempo me lo rendono il pezzo? Non si sa! Dipende se hanno un pezzo simile in magazzino oppure no!!!!

Vi sembra una garanzia da applicare ad un sistema di allarme? Ma tu hai speso i tuoi soldi per mettere in sicurezza la tua famiglia, mica per aspettare 2 mesi!

Oggi in Italia solo noi, Tecno Service in Toscana e le altre filiali sparse in tutta Italia, riusciamo a garantire davvero i nostri sistemi! Come?

Innanzi tutto abbiamo un rapporto diretto con i produttori. Niente passaggi commerciali, niente magazzini, niente grossisti, niente rivenditori! Ci siamo solo noi!

La garanzia è una garanzia ESTESA di tipo ANTICIPATO prolungabile di anno in anno dopo i 24 mesi!

Estesa vuol dire che fino la garanzia copre qualsiasi malfunzionamento dell’impianto: se qualcosa non va te lo cambio con uno nuovo e basta! non ci sono scusanti e clausole da leggere. Se non fa qualcosa il pezzo viene cambiato, punto!

Anticipato vuol dire che il pezzo è sempre disponibile e sarà sostituito immediatamente al primo intervento da parte nostra. Non ci sono tempi di attesa, la tua sicurezza non può aspettare ed il nostro lavoro, il nostro obiettivo è proteggere te e la tua famiglia! Quindi senza antifurto non ti lasciamo mai, neanche un giorno!!

Prolungabile vuol dire che sei tu a decidere se prolungare la garanzia anticipata anche dopo i 24 mesi. Questo ti assicura una scelta ed una affidabilità fuori dal comune!

Ritornando all’esempio della mia macchinetta del caffè, se avessimo avuto la garanzia ESTESA ANTICIPATA sarebbe andata così: avrei chiamato il numero dell’assistenza clienti, avrei esposto il fatto, cioè che la macchinetta perdeva acqua, mi avrebbero fissato per il giorno stesso un appuntamento con l’assistenza 24\h e mi avrebbero portato direttamente a casa una nuova macchinetta e si sarebbero ripresi la vecchia!

Questa la chiamo assistenza! Questo lo chiamo servizio clienti! Questa la chiamo professionalità!

Questo è anche il perchè installiamo solo prodotti davvero costruiti in ITALIA, solo prodotti professionali, solo prodotti garantiti e certificati. Ci siamo nel tempo affidati a prodotti di alto livello perchè oltre ad avere pochissimi malfunzionamenti, riusciamo a garantire sia l’assistenza in tempi brevissimi ( assistenza vera 24\h e non solo scritta come fanno tanti) sia i pezzi di ricambio in modo anticipato: prima sostituiamo il pezzo con uno nuovo che rimane a te, poi lo mandiamo in azienda madre per farcelo sostituire. I tempi tecnici li anticipiamo noi!

Se anche tu pensi che tu e la tua famiglia meritiate di meglio in termini di sicurezza, clicca qui sotto per ricevere maggiori informazioni  http://specialistiantifurtotoscana.it/104-2  , compila il modulo e Ti richiamiamo noi!

Il professionista dell’antifurto per la casa.

MADEINITALY

Federico Capobianco  

P.S. Se non lo hai già fatto Clicca qui per ricevere gratuitamente informazioni su come puoi evitare il furto in casa.

 

Pubblicato in Antifurto, Assistenza Taggato con: , , ,

La sicurezza per la TUA famiglia: oggi si chiama ANTIFURTO!

La sicurezza non è uno scherzo e noi lo sappiamo bene. Se stai leggendo questo articolo sicuramente vuoi maggiori informazioni o stai per acquistare un sistema di sicurezza che possa salvare te e la tua famiglia o la tua azienda da un furto e da un danno materiale e mentale devastante.

Voglio subito rassicurarti dicendoti che la soluzione al problema sempre più crescente dei furti esiste.Antifurto casa

Mi dirai che se vogliono entrare tanto entrano ugualmente e che non sarà certo una sirena che suona a fermarli. Forse posso darti ragione. So che forse, molto probabilmente, avrai già subito un furto e che stai cercando qualcosa di nuovo mai visto prima.

Non voglio certo farti credere che esiste la bacchetta magica che elimina il problema dei ladri. Ce ne sono sempre stati e sempre ce ne saranno. Ma chi si piange addosso proprio non lo sopporto. Quindi se sei arrivato a leggere fin qui vuol dire che non fai parte di quelle persone che stanno alla sorte e quindi ti invito a prenderti cinque minuti per leggere fino in fondo questo articolo, perchè quello che sto per dirti è riservato solo ai miei clienti, solo a coloro che mi chiamano per una consulenza di analisi di rischio.

Secondo te in una casa come la tua, una normalissima abitazione dove non c’è nessun Picasso attaccato al muro, nessun lingotto d’oro o diamanti, quale tipologia di ladro viene a rubare? Lo so che in casa tua non c’è niente di valore… so anche che mi dirai: ma chi vuoi che venga a casa mia? Però intanto la sera chiudi bene porte e finestre perchè è proprio da li che sono entrati i ladri dal tuo vicino dove non c’è niente in casa!!!

Così mentre stai leggendo questo articolo, la casa di qualcuno sta per essere svaligiata. Lo sapevi che in Italia ogni 2 minuti (hai letto bene, ogni 2 minuti!!) avviene un furto in abitazione? Bhè ora lo sai. Quindi almeno per ora vai a controllare che la porta e le finestre siano ben chiuse.

Hai risposto alla domanda di prima?

Ti aiuto io. Ci sono varie tipologie di ladro in giro, e tutti vogliono solo una cosa: RUBARE. Ci sono quelli che possiamo definire professionisti, cioè quelli che lo fanno davvero come un vero lavoro, Pianificano tutto ed escogitano piani per rubare grandi quantità di soldi ed oro. I loro obiettivi non sono certo le case come la mia o la tua. I loro obiettivi sono luoghi dove in poco tempo possono rubare ingenti somme di denaro ed oro come banche, portavalori ecc… Ti ricordi quel furto al portavalori in autostrada? Bloccarono 15 km di autostrada facendo prender fuoco a due camion così che nessuno potesse passare, tranne per il fatto che il portavalori stava nel mezzo. Pensi che quelli fossero degli sprovveduti? Penso proprio di no.

Poi c’è una seconda categoria che potremmo definire le bande di ladri organizzate. Sono in minima parte ed agiscono come vere e proprie organizzazioni magari su commissione. Anche loro puntano in alto e raramente rubano in casa a meno che non ci siano quadri e gioielli di valore.

In ultima analisi ci sono poi i criminali comuni, o come li chiama qualcuno i ladri di strada. Sono la maggioranza e sono i più pericolosi per le nostre case. In genere sono drogati o persone che non hanno niente da perdere e vanno a rubare in casa delle persone perchè hanno bisogno di soldi e si accontentano anche di poco per potersi comprare la dose giornaliera. Sono disposti a tutto per raccattare poche decine di euro.

Ora che ti ho chiarito un po’ la situazione, forse ti starai chiedendo come poter difendere la tua famiglia da un’esperienza traumatica. Non venire a dirmi: “adesso non è il momento, non ho la testa per pensare anche a questo”. Sveglia!!!  la fuori c’è un mondo che se ne frega. Cosa c’è di più importante della tua famiglia?

Quindi premesso che esiste il sistema per proteggersi davvero in modo efficace e se siamo d’accordo che anche tu e la tua famiglia avete bisogno di proteggersi, possiamo proseguire ed andare avanti. Se invece fai parte di quelle persone che dicono: “tanto da me non vengono, che ci vengono a fare, tanto non ho niente”, “se vengono da me li ammazzo di botte”, “tanto ho il fucile” ecc…. allora vorrei ricordarti alcune cose alle quali forse non hai mai pensato. Pensi davvero di startene tutti i giorni e le notti sveglio facendo il soldatino per casa? Pensi davvero di essere sempre presente a casa e di non allontanarti mai?

So che forse non ti sarò simpatico, e ti confesso che lo pensano anche alcuni dei miei clienti più affezionati, ma devi ammettere che sto dicendo cose giuste e devi ammettere, come fanno i miei clienti, che so il fatto mio in questione di sicurezza. Qui non stiamo discutendo sul fatto che io simpatico o meno, ma stiamo cercando di mettere in sicurezza te e la tua famiglia. Le persone non mi chiamano per passare con me delle ore perchè sono simpatico, ma solo per chiedermi di aiutarli a mettersi in sicurezza e sventare un furto. Quindi se siamo d’accordo anche su questo puoi andare avanti a leggere come fare per tenere lontano i ladri da casa tua. Altrimenti chiudi pure qui e rivolgiti al SO TUTTO IO o al mio amico o a mio cugino che pur di racimolare qualche centinaio di euro viene a raccontarti che ti fa tutto lui, che sa tutto lui e che magari viene anche nei ritagli di tempo (tu non sei una famiglia delle tante, meriti il tuo tempo perchè la tua famiglia è importante!) installandoti il primo sistema di allarme trovato in offerta speciale sul volantino di chissà quale negozio d’angolo.

Non venire però a lamentarti. Quelli sono soldi spesi inutilmente, hai capito bene, sono soldi buttati via.

Ti faccio un piccolo esempio per farti capire meglio. Se ti fa male un ginocchio vai dal medico generico di famiglia oppure vai dall’ortopedico specializzato nella cura del ginocchio? Magari lo specialista ti chiede anche dei soldi per una visita, ma riesce a trovare il problema e la soluzione idonea in poco tempo. Ecco noi siamo come l’ortopedico specializzato nei furti.

Ti ho promesso che ti avrei dato indicazioni sul come fare. Andiamo per gradi. Innanzi tutto occorre capire, vedere e studiare la tua casa. Bisogna effettuare quello che io chiamo un analisi di rischio. Ci saranno sicuramente accessi più o meno a rischio, più o meno facili da aprire. Inoltre nel fare l’analisi di rischio occorre tener presente le abitudini della tua famiglia. Ricorda che ciò che può esser sicuro per il tuo vicino può non esserlo per te. Quindi ogni impianto di sicurezza va studiato anche in base alla famiglia che abita la casa ed in base alle sue esigenze. Dopodichè occorre scegliere con attenzione i componenti dell’impianto ed in ultima analisi procedere all’installazione che deve e ripeto deve essere fatta da personale altamente specializzato. Ti immagini cosa succederebbe se tu subissi un furto perchè il tuo nuovo super impianto di allarme è installato male? Sui materiali e componenti dedicherò un articolo a parte come anche per la questione assistenza post vendita.

Per adesso voglio solo farti notare che una corretta analisi di rischio può essere fatta solo facendo un sopralluogo sul posto con uno specialista come me che visionerà la tua casa e ti farà domande specifiche. Infine vi proporrà la soluzione più idonea. Noi lavoriamo solo in questo modo. I miei clienti sono unici. Ognuno di loro ha un impianto di sicurezza studiato appositamente solo per loro e sono davvero protetti. Non ricordo di aver fatto mai  un impianto di sicurezza uguale all’altro. E’ una questione di professionalità e di correttezza. La loro sicurezza, la tua sicurezza è il mio lavoro. E sulla vostra sicurezza non transigo. Voglio davvero che tu sia sicuro e che tu sappia che in ogni momento la tua famiglia è protetta, anche se tu non sei a casa.

Quindi se vuoi questa certezza puoi fare solo una cosa: chiamarci per un sopralluogo per fare un’analisi di rischio. Altrimenti puoi sempre sfidare la sorte. Tanto chi vuoi che venga a casa tua? Io però ti avevo avvertito. Non fare l’errore di tanti altri e se non l’hai ancora fatto corri al telefono e chiamaci. Ricorda che la sicurezza non è una cosa per pochi, ma un diritto di tutti. Solo che ognuno in questo caso pensa per sé! In ogni caso continua a seguirci e ti darò altre informazioni utili.

Il professionista dell’antifurto per la casa.

MADEINITALY

Federico Capobianco  

P.S. Se non lo hai già fatto Clicca qui per ricevere gratuitamente informazioni su come puoi evitare il furto in casa.

Pubblicato in Antifurto Taggato con: , , ,
Tecno Service - Via Turati 23 - 50051 Castelfiorentino - Firenze